I MIEI LETTORI

martedì 28 febbraio 2017

Intervista col creativo! Anno secondo :Inseguire sogni e passioni, la mission di Gloria



Per Gloria creare è un ottimo antistress, tanto da decidere di dedicare un blog alla sua voglia di fare che non conosce limiti e si concentra sui più svariati interessi.

Ma lascio subito la parola a lei .

D. Gloria benvenuta ! Ci racconti quale è stato il tuo percorso di creativa?

Non mi sento proprio una creativa.

Catturo idee dal web  e le elaboro facendole mie.

Comunque  ho iniziato a pasticciare con le mani sin da piccola quando trasformavo pezzetti di legno e fili di lana  in pupazzi poi, crescendo, sono passata al cucito, il mio più grande amore.

In gravidanza è scoppiata la voglia di realizzare cose sempre  nuove, dal restauro dei mobili, alla pittura sui muri, passando per tutti quegli hobby cosiddetti femminili. 

I principali innamoramenti sono stati le paste modellabili, il  decoupage,  il quilling, la country painting, lo stitchery, la tintura naturale delle stoffe  e ,dopo  l'apertura del blog, sono rimasta folgorata dal punto croce. 
La passione di Gloria per gli orologi e lo stichery

Sono molto curiosa e la mia voglia di imparare non è mai sazia.



D. Da uno a dieci quanto pensi sia utile affidarsi ai lavori manuali per sconfiggere lo stress?

Per me è stato indispensabile,  è il mio modo per rilassarmi e distendermi assieme a un po’ di attività fisica.  

Lavoro in sanità, a contatto col pubblico, e mi riversano addosso tutti i loro problemi;  così torno a casa e a mia volta li riverso solo sulle mie mani e non sui miei cari

D.Il tempo perso ad inseguire sogni e passioni .....è davvero tempo perso?

Per mio marito si,  per me no.

Come dicevo sopra, è la mia valvola di sfogo, mi ha permesso di conoscere molte persone, e anche di realizzare progetti di beneficenza che altrimenti nella pigrizia della nostra vita frenetica non avrei approfondito
questa Doll rappresenta la passione di Gloria per il cucito e il ricamo
ma anche la sua generosità : è stata creata per un progetto di beneficenza

D. Il valore della creatività nella tua vita

Come avrai già compreso è il mio pane quotidiano  a cui dedico le mie ore serali e in parte  anche notturne  


D. Il tuo rapporto con il mondo animale e con la natura 

Sono nata e cresciuta in campagna ai confini di un’osasi della Lipu fra i tanti animali di una fattoria.

Vissuta in parte in una piccola città di provincia , e ritornata in campagna per un cane, in seguito ho scelto un Alano come Baby sitter per mia figlia, e ora che lei è grande abbiamo optato per un gatto. 

Parlando di natura fra le  mie passioni  c’ è il nordic walking o semplicemente il walking sugli argini dei fiumi o i sentieri di campagna vicino a casa mia.

D. La tua ultima passione : il ricamo . Un'arte antica che non ha mai perso fascino . Quale è , secondo te , il suo segreto?

Sinceramente non saprei.  Già utilizzavo la tecnica dello stitchery  (una sorta di ricamo semplificato) e ,in un momento in cui mi si era rotta la macchina da cucire,  mi sono detta “perché non provarci” ed è stato vero amore
la passione diGloria per la tintura dei tessuti (questo è stato tinto con l'inchiostro ) unita al ricamo di frasi

D.Quali e quanti sogni ha inseguito Gloria? Qualcuno sei riuscita a raggiungerlo?

I miei sogni sono sempre molto semplici  e molti ne ho realizzati, alcuni stanno attendendo, per mancanza forse,più che d'altro di tempo, ma ho solo 52 anni e conto di avere ancora molto tempo davanti e un cassetto pieno da svuotare.

I  più sono di viaggi,  e di studio vedrò col tempo cosa succederà….

D. Un profumo che ti evoca ricordi .

L’odore del fieno tagliato mi porta alle estati  d’infanzia piene di giochi e spensieratezza

D. A cosa pensa Gloria prima di addormentarsi la sera ?

Se ho sistemato tutto quanto richiedeva quella giornata. per  fortuna a nulla; troppo stanca
Qui il tessuto è stato tinto con il caffè

D. Ti piacciono i fiori ? se si ci dici quale è il tuo preferito e perché?

Si, anche se nel mio giardino non ce ne sono molti, per questioni di praticità. Il mio preferito? La  margherita, forse perché amo le cose semplici.

Ed ora , se volete realizzare questo bellissimo orsetto con le braccia snodate cliccate qui e troverete il tutorial . 


Così si conclude l'intervista di oggi : ogni volta impariamo cose diverse e scopriamo persone che ci somigliano , per certi versi , o che sono lontanissime dal nostro modo di essere e che per questo conquistano la nostra curiosità e stimolano la nostra fantasia.

Quando Gloria dice che per suo marito il tempo dedicato ad inseguire sogni e passioni è tempo perso , mi accorgo che spesso mi sono fatta proprio questa domanda mille e mille volte , non riuscendo a dare una risposta univoca, restando nel dubbio certo. 

Ma mi sono anche ritrovata ad inseguire con caparbia il mio obiettivo ,i miei desideri . Perché, anche se spesso capita che chi ci vive accanto non comprenda del tutto l'importanza di non dimenticare mai i propri sogni e le proprie passioni , abbandonarli sarebbe un errore che non ci perdoneremmo mai .

Voi cosa pensate a tal proposito ? mi piacerebbe conoscere le vostre opinioni .

E con questo vi abbraccio e vi do appuntamento a prestissimo.

Baci

Clelia

l'intervista è anche su latinacorriere.it

11 commenti:

  1. Grazie x questo post...me sinceramente la penso come te....le passioni vanno coltivate se ci si crede....baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gloria, averti con noi è stato un piacere :-)

      Sono arci convinta che coltivare le proprie passioni sia un regalo che facciamo a noi stessi : una piacevole sana abitudine che tutti dovrebbero cercare di perseguire .

      baci
      Clelia

      Elimina
  2. Un'altra bella intervista Clelia!Mi piace Gloria con la sua insaziabile voglia di imparare e provare..E la mia opinione è che non esiste il tempo perso! Ogni cosa che facciamo, anche i momenti di ozio, servono e ci portano a qualcos'altro..

    RispondiElimina
  3. Un'altra bella intervista Clelia!Mi piace Gloria con la sua insaziabile voglia di imparare e provare..E la mia opinione è che non esiste il tempo perso! Ogni cosa che facciamo, anche i momenti di ozio, servono e ci portano a qualcos'altro..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto cara Biljana, non esiste tempo perso , soprattutto se quel che stiamo facendo , qualsiasi cosa sia (anche oziare) ci fa stare bene ! Solo questo conta davvero...e la mente , quando è in stand by fa viaggi che neppure possiamo immaginare. E che c'è di meglio per la nostra creatività?
      Un abbraccio
      Clelia

      Elimina
  4. Un'altra bella intervista cara Clelia ed un'altra splendida creativa!
    Io credo che non sia mai tempo perso perché ci aiuta a continuare a sognare, a usare la nostra creatività e anche a risparmiare facendo regali utili e unici.
    che volere di più?
    Un abbraccione
    Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente in accordo con te cara Maria. Già il solo fatto di "perdere tempo" a pensare a qualcuno che amiamo o all'idea di poter aiutare qualcuno con le nostre piccole creazioni è importantissimo.
      Un bacione
      Clelia

      Elimina
  5. Ciao Clelia, sempre molto interessanti le tue interviste!
    Per me il tempo impiegato per le mie passioni è tempo ritrovato: dà serenità, combatte lo stress e fa vivere meglio... un abbraccio e buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente si cara Carmen! Il tempo che riusciamo a dedicare alle nostre passioni è tempo che sottraiamo ai cattivi pensieri , allo stress incalzante di questa vita sempre alla rincorsa. Insomma , è salute!
      Ti abbraccio
      Clelia

      Elimina
  6. Mi sa che possiamo fare un club con quelle dei sensi di colpa per il tempo perso, che però dopo si dicono che non è tempo perso, e subito dopo dubitano, e poi ci ripensano, e intanto... creano come se non ci fosse un domani.
    Soprattutto se incoraggiate da chi ha solo 52 anni e tutta la vita davanti, ci si sente stupide ad aver dubitato anche solo per un attimo. Gloria ci è di esempio per il suo modo di vedere il suo tempo (non del marito, non dei pazienti, non dei chiacchieroni). Grazie Gloria, grazie Clelia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutto questione di prospettive , di come ci si pone davanti alla vita e a quello che ci propone : alla fine il tempo non è mai perso , e solo troppo poco . E anche qui dipende , se c'è chi a 100 anni ancora pensa al suo domani .
      Grazie a te Elle
      un caro abbraccio

      Elimina

Se vi va lasciate un segno del vostro passaggio: sarò felice di conoscere la vostra opinione.