I MIEI LETTORI

mercoledì 21 giugno 2017

Il libro del mese. Una storia per grandi e piccini


Finito nel carrello di Amazon per errore , colpa degli acquisti veloci , quelli che si fanno semplicemente con un clik per intenderci , che dovrebbero risparmiarci la fatica di riportare ogni volta dati che il sistema già riconosce,  "Attenti al cane" di Michael Rosen  è stato un acquisto fortunato : l'ho letto praticamente in dieci minuti.

E' un libro per bambini alle loro prime letture.

Mi piace così tanto leggere che cerco di trasmettere questa mia passione anche alle mie nipotine.

Mi riprometto sempre però di leggere per prima ciò che poi consiglio loro.

Sono convinta che la lettura di testi per ragazzi ci avvicini al loro modo di pensare e di vedere il mondo creando un'empatia importante per il rapporto che condividiamo.

Consiglio la lettura di "Attenti al cane" a tutti gli adulti che intendano acquistare un cane o un altro animale per i loro piccoli

Adoro gli animali e non potrei vivere privandomi della loro compagnia.

Tuttavia , mi rendo conto che spesso la scelta di adottare un cucciolo viene fatta con troppa superficialità.

Il rapporto che , invece, si instaurerà è speciale ed esclusivo . Necessita di una forte dose di coraggio , amore ed altruismo.

Michael Rosen lo spiega ai bambini e ai grandi  attraverso la simpatia di Strudel , un cucciolo di cane davvero unico.

Un testo piacevole , divertente ed educativo che sicuramente vi piacerà moltissimo

Buona lettura e alla prossima

Un bacione

Clelia

4 commenti:

  1. Cara Clelia sono d'accordo con te: un cucciolo non è un giocatotolo da scegliere in base a certi requisiti, ma è un essere vivente con cui si instaurerà un rapporto speciale. E se te lo dice una che non ama il contatto con gli animali.. ahaha! Quanto al contatto coi bambini è proprio vero che leggendo i libri destinati a loro si entra un po' meglio nel loro mondo, che può essere anche totalmente diverso da quello di noi adulti. Nel mio caso sono io ancora un po' infantile, e ppure certe cose da bambini i suonano come roba da marziani ;)
    Un abbraccio Clelia, grazie di tutto (avrai visto che mi sono tirata fuori dalla vita pubblica, quel tempo è finito).
    Buona giornata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elle,immagino che la mia passione per le letture dell'infanzia venga dal fatto che una parte di me bambina non è mai andata via. Complice , mi dico io , il fatto di non avere avuto figli. Sono rimasta figlia . Mi dispiace non poterti leggere più..ma posso capire le tue ragioni , pur non conoscendole: ti confesso che spesso viene voglia anche a me di lasciar perdere tutto...Ma solo perché , anche se non sembra , il blog assorbe molto tempo , a volerlo curare bene. E non mi resta tanto spazio per tutti i miei interessi. Ho da poco compiuto 50 anni e mi sembra che la vita mi sfugga veloce , e ho tanto ancora da scoprire....
      Sono felice che comunque ancora mi segui ...Ti abbraccio forte e se un giorno deciderai di tornare sarò la tua prima lettrice.

      Un bacio
      Clelia

      Elimina
    2. Sì, ti seguirò ancora. Cinquant'anni, non li dimostri, con quel bel sorriso... da bambina ;) Penso che sia un bene riuscire a mantenere una parte bambina, io me la tengo stretta!
      Il blog assorbe tempo e attenzione, e io mi sono accorta che non avevo più lo spirito giusto per dedicarmici, lo vedevo sempre più come qualcosa di estraeo che cercavo di curare nonostante tutto. Ora sto bene, ho tutto il mio tempo per me, e finché tu ti dedicherai al tuo blog io lo seguirò ;)
      Un bacione
      Elle

      Elimina
    3. Davvero ti comprendo, anche io mi sento frustrata a volte per non riuscire a dedicare al blog il tempo che necessita e questo non è un bene. Solo che mi ci sento legata : in fondo durante tutto questo tempo mi ha portato anche del buono . Una cosa su tutte , conoscere persone speciali come te. Sono davvero felice di averti incontrata.
      A presto
      Un bacione
      Clelia

      Elimina

Se vi va lasciate un segno del vostro passaggio: sarò felice di conoscere la vostra opinione.